Dove cercare il preventivo del mutuo adatto a te: a chi rivolgersi, info e consigli utili

Indice dei contenuti

Se stai pensando di accendere un mutuo, sai che sei alle prese con una scelta molto importante che ti vincolerà, finanziariamente, per diversi anni. È giusto quindi scegliere la tipologia di un mutuo in modo che possa darti i maggiori vantaggi possibili e anche una certa convenienza. Per farlo, dovrai tenere in considerazione il capitale che vuoi richiedere, i tassi di interesse applicati e la durata del finanziamento.

Per fare la scelta giusta, è necessario che tu sia in grado di valutare le proposte di diversi istituto di credito, tramite la richiesta di preventivi. In questa guida ti indirizzeremo su dove cercare il preventivo del mutuo adatto a te e ti mostreremo a chi rivolgersi, fornendoti anche info e consigli utili.

Come scegliere un mutuo

La prima cosa che dovrai considerare, prima di scegliere qualsiasi tipologia di mutuo, è il capitale che potrai riuscire a chiedere (o quello che ti bisogna) e la durata del finanziamento.

Questi due parametri sono strettamente legati tra di essi e, insieme al tasso di interessi, definiscono la rata mensile del mutuo.

Altra cosa importantissima da considerare è il rapporto che intercorre tra il capitale che ti verrà erogato dall’istituto di credito e il valore dell’immobile per cui si richiede il mutuo, stimato grazie alla perizia di un tecnico e sul quale verrà iscritta un’ipoteca. Questo valore, che di solito non supera l’80%, si chiama “loan to value” (LTV).

Come calcolare la rata di un mutuo

Quando ti trovi a riflettere su quale importo potresti essere disposto a pagare mensilmente per il rimborso del mutuo, tieni in considerazione il fatto che gli enti finanziari non concedono mutui con rate che superano il 33% del reddito mensile.

Questo limite rappresenta delle tutele sia per le banche che per te stesso: gli enti finanziari si tutelano dal rischio di insolvenza, ovvero dalla possibilità che non riuscirai a pagare le rate o che tu lo possa fare in ritardo. Tu, del resto, non andrai incontro a situazioni di indebitamento.

Se la tua intenzione è quella di pagare delle rate più basse in modo da ridurre la durata del piano di rimborso, dovrai procurarti delle garanzie alternative, come ad esempio un garante del prestito (fideiussore) che si assumi l’impegno di saldare il debito nel caso in cui non dovessi riuscire a pagare una o più rate.

Considera la durata di un mutuo

I mutui possono essere accesi con piani di rimborso che vanno da un minimo di 5 a un massimo di 40 anni. Più la durata sarà lunga e maggiori saranno gli interessi che verranno applicati. Di contro, però, pagherai delle rate mensili (o comunque periodiche) più basse e quindi più sostenibili.

Qual è il mutuo più adatto a te

Se non vuoi rischiare di indebitarti e di non poter saldare le rate del mutuo dal momento in cui lo accendi e per i successivi venti, trenta o quarant’anni, dovrai scegliere una soluzione che ti permetta di pagare una rata che non superi mai un terzo del tuo reddito.

C’è da dire, però, che in questo non corri il rischio di sbagliare, perché saranno gli stessi istituti di credito che calcoleranno la rata in base alla documentazione reddituale che presenterai.

Per fare un esempio, poniamo il caso che tu percepisca un reddito mensile pari a 1500 euro e ti è stato proposto un mutuo ventennale con tasso applicato del 3%. Il capitale massimo che potrà esserti concesso, in questo caso, è di 104.130 euro, ma solo nel caso in cui la perizia del tecnico stabilisca che l’immobile da acquistare ha un valore uguale o maggiore di 130.163 euro.

Nel caso di un mutuo ventennale e nelle condizioni appena citate, poi, è necessario che tu abbia da parte della liquidità da anticipare, che stando all’esempio ammonta a circa 26.000 euro.

Per capire il capitale che potrà offrirti un istituto di credito, puoi utilizzare un calcolatore di mutui online. Dopo avere inserito delle informazioni in merito alla tua situazione reddituale e scelto il piano di durata del mutuo, il calcolatore ti mostrerà una lista di istituti di credito con accanto l’importo concedibile e la rata del mutuo, comprensiva di interessi e spese accessorie.

Dove cercare il preventivo del mutuo adatto a te

Una volta che avrai la lista degli enti finanziari disponibili a erogarti un mutuo, potrai decidere di recarti presso le loro sedi fisiche o collegarti direttamente ai loro siti web per fare richiesta di un preventivo.

Ricorda che richiedere un preventivo è sempre gratuito e in tal modo potrai confrontare diverse proposte e scegliere alla fine il mutuo più adatto a te.

Ogni ente finanziario ti proporrà la sua soluzione e tu non dovrai che scegliere quella che, per importo rata, tassi applicati e durata del piano di rimborso può rappresentare la scelta più facile, vantaggiosa e conveniente per te.

Quando farai la richiesta di un preventivo, ricorda di indicare il tasso di interesse che preferisci sia applicato tra tasso fisso, variabile o misto. Per maggiori informazioni sulle differenze tra i diversi tassi di interesse, puoi leggere una delle guide dedicate all’interno di questo stesso sito.

Conclusioni

Adesso che sai dove cercare il preventivo del mutuo adatto a te e a chi rivolgersi, puoi iniziare a inoltrare le tue richieste.

Confrontare diverse offerte ti dà maggiori possibilità di scegliere la soluzione più giusta, anche perché gli enti finanziari entrano in concorrenza tra di loro e faranno di tutto per far sì che diventi loro cliente.

Leggi bene il preventivo, prima di decidere, e richiedi i documenti di informativa precontrattuale. Averli è un tuo diritto e ti chiariranno maggiormente le condizioni, senza rischiare di avere sorprese in seguito.

Assicurati, poi, di conoscere se i sono polizze assicurative da stipulare e se puoi scegliere di rifiutarle o meno, perché in un mutuo ipotecario, solitamente le polizze sono facoltative e non obbligatorie.

Qualora fosse obbligatoria, poi, sappi che puoi rivolgerti a una compagnia assicurativa diversa da quella convenzionata dalla banca, per farti calcolare un nuovo preventivo ed eventualmente scegliere quella, se ti conviene di più. Insomma, è tuo diritto rifiutare la proposta della compagnia assicurativa convenzionata con l’ente finanziario che ti concede il mutuo.

Articolo precedentePreventivi mutui per terreni agricoli: le migliori soluzioni a confronto
Romina Cardia
Sono autrice di saggi, romanzi e racconti. Sono per mia natura molto curiosa e questa caratteristica mi aiuta in quello che faccio, principalmente per lavoro ma anche per passione: scrivere! Ho collaborato con numerose testate giornalistiche cartacee e televisive, conducendo anche diversi programmi di taglio culturale. Oggi, la mia attività si svolge principalmente sul web, e i miei interessi variano, sposandosi sempre con la mia naturale voglia di conoscenza e con la mia innata curiosità.