Preventivo mutuo: quali documento occorrono?

Indice dei contenuti

Cosa fare per richiedere un mutuo?

Richiedere un mutuo è soprattutto ad oggi, una cosa molto semplice. Bisogna solamente avere tutte le carte in regole, basta informarsi direttamente sul sito ufficiale della nostra banca per essere sicuri di tutto quello di cui dobbiamo essere in possesso. Esistono alcuni requisiti di cui dobbiamo essere in possesso, per poter passare alla presentazione della documentazione completa. Infatti dobbiamo essere maggiorenni e possiede la cittadinanza italiana. Successivamente bisogna attestare i nostri introiti tramite presentazione di contratto di lavoro, CUD, busta paga in alcuni casi o 730. La banca deve vedere la nostra affidabilità creditizia, per essere sicura che riusciremo a pagare anche se in tempi distesi l’importo del mutuo. Ogni banca in realtà potrebbe richiedere documenti precisi e deversi, in modo autonomo rispetto ad altri istituti di credito. Ma c’è anche da dire che se il richiedente del mutuo è un lavoratore dipendente o un lavoratore autonomo, o libero professionista, hanno il comune l’obbligo di palesare la situazione economica o finanziaria.

Qual è la documentazione per richiedere un mutuo?

Tutti i richiedenti il mutuo, devono mostrare dati che riguardano la loro personali, quali ad esempio documenti anagrafici, come carta di identità e codice fiscale, il certificato di nascita, e quello contestuale, il quale attesta la residenza e lo stato di famiglia. Non finisce qui, dobbiamo anche allegare alla domanda l’estratto dell’atto di matrimonio completo, se sposati, e di tutte le annotazioni eventuali sul contratto. Far presente in modo documentato il fatto che siano attive convenzioni patrimoniali stipulate fra i coniugi, e bisogna anche riportare sentenza di divorzio o separazione nel caso. E per quanto riguarda i cittadini extracomunitari? In questo caso è necessario allegare alla richiesta anche il permesso di soggiorno, mentre devono essere presentati i primi tre documenti di cui abbiamo appena parlato, anche per i garanti del richiedente. Il garante rappresenta una figura estremamente importante, che garantisce appunto per noi in caso di insolvenza del richiedente. Il candidato a garante, deve essere una persona che gode di una certa stabilità economica.

Lavoratori dipendenti: quali documenti presentare?

Per quanto riguarda i documenti che attestano gli introiti reddituali, i lavoratori dipendenti devono allegare questi documenti:

  • copia del contratto lavorativo o volendo anche la dichiarazione del datore di lavoro dell’anzianità di servizio del dipendente: si tratta di una comunicazione formale all’interno della quale si dichiara la stabilità e regolarità del rapporto di lavoro, il tipo di contratto attivo in quel momento e anche se necessario, l’orario delle prestazioni lavorative impiegate per quell’azienda;
  • non la copia, ma il documento originale dell’ultimo cedolino dello stipendio e copia invece del CUD (Certificazione Unica Dipendente) o in alternativa del 730. Nella certificazione del CUD è presente un complesso di dati molto importanti, come dati previdenziali, contributi trattenuti per maturare la pensione. Inoltre vengono anche inserite le schede per il versamento del cinque per mille e all’otto per mille. Tutta questa documentazione deve per forza essere presentata, anche per coloro che nel caso si propongono come garanti, del richiedente. Il 730 invece o dichiarazione dei redditi nel parlato quotidiano, rappresenta un modello che serve ad attestare quanto abbiamo percepito annualmente, inoltre non può però essere riportato da coloro che hanno intascato redditi di impresa o di lavoro autonomo tramite partita IVA. Infatti questa categoria di soggetti deve presentare una dichiarazione IVA, IRAP o 770;
  • Il modello F24, questo rappresenta il versamento di gran parte delle imposte, tasse e contributi;
  • Infine una copia dell’ultimo estratto conto corrente, di cui il richiedente è titolare.

Documentazione per i lavoratori autonomi e i liberi professionisti

La documentazione che invece deve essere in questo caso presentata da i lavoratori autonomi oppure liberi professionisti, è assolutamente diversa dalla precedente. Vediamo meglio nel dettaglio di cosa si tratta:

  • copia del modello unico, ovvero l’ex modello 740, trattiamo di un documento il quale
  • attesta i propri redditi ma consente in particolare di mostrare propri i ricavi ottenuti da diverse fonti di guadagno;
  • l’estratto della Camera di Commercio Industria e Artigianato (CCIA);
  • l’attestato di iscrizione all’albo cui appartengono se sono professionisti.

Cosa sapere invece sulla documentazione sull’immobile da finanziare?

Inoltre è poi prevista un’altra tipologia di documentazione, per coloro che sono da presentare indipendentemente dal fatto che si tratti di un lavoratore dipendente o autonomo. Ovvero trattiamo di quella documentazione riguardante l’immobile per il quale è stato richiesto il mutuo.
La documentazione in questione prevede la presentazioni di:

  • Una copia del della promessa di vendita o chiamato anche compromesso, ovvero quel documento il quale rappresenta il contratto preliminare in forza all’interno del quale, acquirente e venditore sono impegnati e non posso recedere dal contratto di compravendita;
  • La planimetria, che consente di avere davanti l’entità dell’immobile, con inoltre l’indicazione della proprietà vicine che confinano con la nostra abitazione. Ma anche possibili pertinenze, quali cantina, solaio e/o box;
  • Una copia del certificato rilasciato dal Comune, il quale certifichi chiaramente che l’immobile in questione ha tutti i requisiti e i parametri in linea con un certo livello di igiene e di salubrità, necessario anche per richiedere nel caso anche lavori di manutenzione straordinaria, come ristrutturazione dell’immobile;
  • Una copia dell’atto di provenienza dell’immobile, ovvero di quel documento di compravendita, si tratta dell’ultimo acquisto.

Documentazioni per preventivo

Possiamo fare un preventivo per il mutuo, per essere sicuri che la banca eroghi la somma necessaria all’acquisto della casa, Quasi tutte le banche, presentano la possibilità di effettuare tutto questo comodamente per via telematica. Il preventivo viene fatto sulla base della propria situazione economica e patrimoniale. Ogni banca richiede una documentazione precisa ai richiedenti, che bisogna rispettare anche in caso di richiesta di preventivo.

Vediamo meglio di cosa si tratta:

  • copia dell’originale estratto conto su tre mesi e su sei mesi che viene inviato a noi
  • dalla banca e aggiornato sempre all’ultimo mese;
  • copia del nostro documento di identità in corso di validità, che si tratti di passaporto,
  • carta di identità, oppure patente;
  • copia del nostro codice fiscale, o comunque sia della tessera sanitaria;
  • copia dei cedolini dello stipendio, gli ultimi due, e copia del 730;
  • copia del CUD;
  • documento originale dello Stato di famiglia;
  • originale del certificato che attesti la nostra residenza attuale.