Tutti i vantaggi di un preventivo mutuo: perché è conveniente richiedere i preventivi, punti di forza

Indice dei contenuti

Cosa si intende per preventivazione?

Quando parliamo di preventivazione facciamo riferimento a quella richiesta da parte del cliente, riguarda alle disposizione e alla forme che prenderà il prestito. Si tratta di una fase in cui riceveremo il famoso preventivo, finalizzato ad orientarci meglio verso la scelta del prodotto finanziario a noi più conforme. Dobbiamo ovviamente far presente una serie di documenti reddituali soprattutto, per vedere se la banca li accetta come garanzie sufficienti a sostenere il prestito. Inoltre scopriremo, tramite il preventivo, come verranno distribuite le rate ogni mese. Quale sarà l’importo in base a quanto guadagniamo e i tempi di rimborso. Questi vanno in base sia alla situazione personale economica e finanziaria, sia all’entità del prestito richiesto.


I preventivi possono essere gratuiti?

Molti pensano che chiedere un preventivo alla banca, cosa estremamente importante per fare le corrette valutazioni del caso, sia a pagamento. Per fortuna ad oggi, visto il proliferare di richieste e il processo di digitalizzazione, molte banche concedono online preventivi a costo zero. Come anche forniscono dei calcolatori efficaci, studiati per capire quanto andremo a pagare ogni mese a partire dal valore del nostro stipendio.


L’importanza di TAN e TAEG

Quando chiediamo un preventivo, conviene sempre. Prima di tutto perché avremo un piano ben preciso di quanto saremo costretti a pagare, i tempi di rimborso, i tassi di interesse. Questi sono essenziali per cercare di tenere sotto controllo una cifra che possiamo gestire in uscita. Se troviamo tassi di interesse fissi, la cosa è estremamente positiva. Infatti in tal modo possiamo benissimo gestire tutta la spesa totale in uscita, che rimane invariata. Non soggetta alle impennate o discese di mercato. Se inoltre TAN e TAEG oltre ad essere fissi sono anche agevolati, quindi di valore ridotto rispetto al normale, ancor meglio.


Preventivo prestito tasso zero

Riuscire ad ottenere un preventivo per un prestito a tasso zero è un po’ difficile in quanto il tasso zero è riservato a speciali categorie di cliente. Questa espressione indica coloro che vivono condizioni non agiate a livello economico, e che quindi non potrebbero sostenere i tassi di interesse. Parliamo ad esempio di disoccupati, inoccupati, studenti universitari. Non tutte le banche inoltre concedono un preventivo per questo finanziamento, ma è possibile. Per cui si consiglia di fare le proprie ricerche, per capire se effettivamente troviamo la soluzione da noi ricercata. Ma cosa significa precisamente tasso zero?
Per chi non lo sapesse, il tasso zero, è un tasso di interesse nullo. Questo significa che la cifra al netto da pagare ogni mese alla banca tramite rate, non subisce modifiche.


Formula preventivo: calcolo tasso di interesse

Quando richiediamo un preventivo ci viene specificato il costo intero da pagare al mese, seguendo un preciso piano di ammortamento. Il quale è stato disegnato ad hoc sulla propria situazione reddituale e finanziaria. I tassi di interesse sono già applicati alla percentuale ritenuta adeguata al tipo di richiesta e alla classe di appartenenza in quanto clienti. Ma se volessimo operare da noi un calcolo, senza richiedere un preventivo, possiamo farlo. Basta avere determinati dati e svolgere una semplice formula, ottenendo al netto quando pagheremo anno per anno fino all’estinzione del mutuo. Questa cambia nel caso però si parli di un preventivo per un prestito speciale, ovvero il mutuo.


Come si calcolano gli interessi di mutuo?

La locazione di un immobile come anche il noleggio di un veicolo, sono concessi di solito a titolo oneroso questo vuol dire in cambio di un compenso. Questo risulta proporzionale al valore del prodotto che è stato prestato, e alla durata del piano di ammortamento. Stesso principio è valido per quanto riguarda beni fungibili, come il denaro. Importante è sottolineare che la quantità di interessi è direttamente proporzionale a tre fattori:

  • Capitale prestato;
  • Durata del finanziamento;
  • Tasso applicato.

Quindi l’ammontare degli interessi è la risultante della moltiplicazione di queste “grandezze” all’interno della seguente formula:

Capitale x Tasso Annuo x giorni
————————————————
36500


Esempio di calcolo tassi di interesse per mutuo?

Ovviamente quando trattiamo di un mutuo, parliamo di un prestito speciale, il quale non viene sanato in due mesi. Per cui la formula che considera il tempo in anni è la seguente: R = I x 100: C x T; dove R indica il tasso di interesse, I è l’intesse stesso, C il capitale e T il tempo (espresso in anni).
Per quanto riguarda invece il tasso nominale applicato, questo può avere una base diversa da quella annua. Potrebbe trattarsi di un tasso che viene applicato mensilmente, per cui tasso mensile o semestrale, quindi ogni sei mesi. Ad ogni modo questo sarà uguale al tasso annuo diviso per il numero di pagamenti annuali.


I migliori preventivi a chi possiamo richiederli?

Ad oggi i tassi di interessi sono molto bassi rispetto a qualche anno fa, per cui risulta ottimale acquistare una casa con un mutuo. Vediamo meglio quali sono le migliori banche, alle quali richiedere il preventivo più conveniente in base soprattutto ai tassi di interesse:

  • BNL: tasso di interesse all’ 1,40%, con un TAEG all’1,55%, rata 595,60 euro;
  • Intesa Sanpaolo: tasso di interesse all’ 1,50%, TAEG 1,67%, rata 603,97 euro;
  • WeBank: tasso di interesse pari a 1,64%, TAEG 1,65%, rata 615,79 euro;
  • Banca Carige: tasso di interesse uguale all’ 1,20%, TAEG 1,43%, rata 579,09 euro.


Conclusione

Oggi è possibile richiedere un preventivo mutuo a costo zero, sui siti ufficiali di ciascuna banca. Soprattutto questo periodo è ottimale per acquistare un immobile con un mutuo, essendoci tassi di interesse davvero bassi e per questo interessanti. Come abbiamo visto sono diverse le banche di riferimento, che erogano mutui molto convenienti. Rate mensili decisamente vantaggiose che rappresentano un valido supporto al debitore. Le garanzie per richiedere un mutuo sicuramente sono sempre abbastanza stringenti, ma se rientriamo in formule speciali, come ad esempio i mutui per gli over 30 o giovani single, possiamo godere di agevolazioni. Tempi di rimborso più distesi soprattutto e tassi di interesse ancora più bassi. Inoltre c’è da dire che però risulta spesso difficile non aver bisogno di un garante, nella fase di acquisto dell’immobili con un mutuo da sostenere nel tempo.